Le vaporiere sono apparecchi in grado di cuocere i cibi in modo sano e leggero, senza alcuna aggiunta di grassi.
Si tratta di una tecnica di cottura assai antica e ricca di virtù: la cottura mediante vapore permette infatti di mantenere intatte le proprietà degli alimenti. Il fatto di non immergere gli ingredienti in acqua permette infatti di mantenere intatto il gusto delle pietanze dandoci tutte le vitamine naturalmente presenti nell’alimento a crudo.
Grazie alla cottura a vapore possiamo preparare praticamente tutto: dal pesce alle verdure alle carni bianche, senza aggiungere grassi nè condimenti.

In questo articolo analizziamo le principali tipologie di vaporiera attualmente in commercio.

Vaporiere: le principali tipologie sul mercato

In commercio possiamo trovare essenzialmente due tipi di vaporiera: quella elettrica e quella a gas.
In entrambi i casi si inserisce l’acqua in un serbatoio: non appena l’acqua raggiunge la temperatura ottimale, essa sprigiona il vapore, il quale permette di cuocere le vostre pietanze.

Alcuni particolari modelli di vaporiera permettono di aggiungere aromi in uno speciale contenitore: così facendo, al passaggio del vapore l’aroma viene liberato e insaporisce le pietanze nei cestelli.

Cottura al vapore o bollitura?

La bollitura in acqua e la cottura al vapore sono due modalità di cottura apparentemente similari, ma che in realtà intervengono a livello chimico sugli alimenti con effetti assai diversi.

La differenza fra le due risiede nel fatto che la bollitura prevede l’immersione del cibo in acqua bollente. Così facendo si perdono molte delle vitamine e dei minerali naturalmente presenti in tale pietanza.
Al contrario, durante la cottura a vapore l’alimento è esposto al vapore, senza che ne venga alterata la composizione chimica.

Possiamo dunque, senza ombra di dubbio, affermare che la cottura a vapore apporta più nutrienti al nostro corpo, dal momento che preserva intatte le proprietà dei cibi.

Come sono fatte le vaporiere elettriche?

Anche se i modelli sul mercato variano notevolmente l’uno dall’altro, tutte le vaporiere hanno alcune funzioni in comune.
Vediamole di seguito:

  • Innanzitutto sono tutte dotate di uno o più cestelli di cottura. Essi hanno un fondo forato, nel quale riporre i cibi da cucinare.
  • Tutti i modelli hanno dei vassoi da porre sul fondo; essi servono per impedire ai liquidi di cottura di filtrare nel cestello.
  • Un coperchio per evitare la dispersione del vapore.

In base al modello di vaporiera è inoltre possibile selezionare un programma di cottura predeterminato. In alcuni modelli vi è un utilissimo timer, per monitorare la cottura dei vostri piatti.

Se infine vi interessa approfondire il mondo delle vaporiere vi consigliamo di visitare questa pagina.